CULTURALE

dal 3 ° mill a.C.

Korcula in piccoli punti

Korčula è la storica città fortificata, situata sulla costa orientale dell'isola omonima.
La città vecchia, una delle città meglio conservate nel Mediterraneo, è denunciata per la Lista dell'eredità mondiale UNESCO (lista tentativa).
L'antica città è circondata dalle mura e le sue vie sono costruite in forma della lisca di pesce che consente il libero flusso d'aria ed allo stesso tempo protegge da venti forti.
Tra i più importanti monumenti storici, vi è la Cattedrale di San Marco, realizzata in stile gotico-rinascimentale, il Municipio e le massicce mura di cinta. Korčula è la città natale di Marco Polo.

Cammina attraverso Korčula

MUSEO CIVICO

Il Palazzo Gabrieli

Il Museo civico di Korčula è situato dentro il Palazzo Gabrieli, l'esempio rappresentativo dell'architettura residenziale del XV e XVI secolo in mezzo all'antico centro della città. Passeggiando per la sala mostra del Museo, il visitatore ravviva il passato culturale ed economico di Korčula dalla preistoria fino ad oggi.
Le raccolte museali illustrano molto bene le attività artigianali tradizionali, quali: il mestiere del scalpellino e l'ingegneria navale come le attività artigianali che sono fondamentali per la vita dell'uomo in questa regione. Gli oggetti usati nel passato nelle case private sull'isola di Korčula ci forniscono degli approfondimenti sulle usanze della vita quotidiana.
Le più preziose opere d'arte esposte nel Museo danno testimonianza della conoscenza delle realizzazioni artistiche contemporanee in Europa, ed in particolare: il ciondolo in bronzo di Tiziano Aspetti ed il pianoforte risalente all'anno 1819 suonato da Edith Streicher, la famosa amica di Beethoven.

Museo civico Korčula


La visita all'antica cucina che si trova nella soffitta del Museo, è un evento impressionante ed indimenticabile.
La replica della pagina dello Statuto della Città e dell'isola di Korčula che risale all'anno 1214, il disegno della Città, la bandiera della Città, i sigilli, le iscrizioni su pietra, i documenti e gli stemmi parlano dell'identità storica di Korčula come un complesso urbano il quale, per il suo aspetto armonioso, è stato rappresentato nei versi come «Ornament od svita...» (ndt: l'ornamento del mondo).

LA CATTEDRALE

DI SAN MARCO

La Cattedrale di San Marco è il centro della vita religiosa ed è il più bel monumento Gotico-Rinascimentale che si trova nella vecchia città di Korčula.
Fu costruita da maestri italiani, ma soprattutto dai costruttori locali nel corso del XIV, XV e XVI secolo, tra i quali il più famoso è maestro Marko Andrijić il quale, lavorando su questo edificio, ha realizzato i suoi capolavori: il coronamento del campanile ed il ciborio sopra l'altare maggiore nella navata centrale dedicata a San Marco, santo patrono di Korčula.
Il portale principale costruito in stile Romanico e Gotico è opera del maestro italiano Bonino di Milano.
La navata laterale meridionale fu dedicata a San Giacomo, la navata settentrionale a San Giovanni, e al suo fianco fu ampliata la cappella votiva di San Rocco.

La Cattedrale di San Marco


Gli altari dentro la Cattedrale sono decorati di quadri di Jacopo Tintoretto ed altri pittori italiani.
Tra gli scultori locali occorre menzionare le opere di Frano Čučić, Ivan Meštrović, Ivan Kerdić, Frano Kršinić, Alojzije Lozica ed Izvor Oreb.

LA TORRE DELLA CASA

DI MARCO POLO

Qui è nato Marco Polo, il più grande viaggiatore ed esploratore di tutti i tempi (Korčula, 1254 - Venezia, 1324).
Oltre alle iscrizioni e reperti che ricordano all'esploratore, è interessante anche la vista dalla torre-osservatorio della famiglia.
Il 7 settembre 1298, nei pressi della Città di Kočula, si svolse una grande battaglia navale tra la flotta genovese e quella veneziana; la flotta veneziana fu sconfitta ed i genovesi hanno preso il grande Marco Polo tra i loro prigionieri il quale viene liberato nel 1299 per un grande riscatto.
La descrizione più vecchia della menzionata battaglia si conserva nella Biblioteca nazionale a Parigi.
Preso prigioniero ed internato nella prigione a Genova, Marco Polo ha raccontato le sue avventure del suo viaggio in Cina al scrivano Rustichello, il quale li ha trascritto nel libro “Il Milione”.

LA TORRE DELLA CASA DI MARCO POLO


La casa familiare dei Polo a Venezia è scomparsa ed ha ceduto il posto al teatro, mentre a Korčula è rimasta conservata la sua casa natale, insieme alla memoria del grande Marco. Oggi la famiglia Depolo è una delle più vecchie famiglie di Korčula.


PALAZZO DEL VESCOVO

LA TESORERIA DELL'ABBAZIA

Accanto alla Cattedrale di San Marco vi è l'ex Palazzo vescovile nel quale oggi si trova la Tesoriera dell'Abbazia di San Marco, fondata nel 1954 dall'abate Ivo Matijaca ed il pittore croato Ljubo Babić. Il vecchio Palazzo vescovile del XIV e XVII secolo è stato ricostruito nel periodo 1860-1874.
L'opera più significativa è il polittico della Madonna col Bambino e santi, fatta dal pittore Blaž Jurjev Trogiranin risalente all'anno 1431. Blaž Jurjev Trogiranin (?-1450) è il maestro più famoso dello stile gotico presente in Croazia, che soggiorna nella Città di Korčula dal 1431 al 1435, dipingendo per le chiese di Korčula ed insegnando disegno e pittura.
Nelle vetrine a muro ci sono numerosi documenti e libri che ci parlano della storia antica di Korčula e della Croazia, tra i quali spicca lo Statuto di Korčula del 1214.

PALAZZO DEL VESCOVO LA TESORERIA DELL'ABBAZIA Korčula


La bellissima bifora – finestra divisa in due aperture – realizzata in stile gotico che si trova in questa sala è rivolta verso il centro della sala affinché il visitatore possa ammirare lo stile e la tecnica. Nella vetrina che contiene la collezione numismatica, le monete di Korkyra Melaina del IV secolo a.C. attirano maggire attenzione.

LA CHIESA E LA CONFRATERNITÀ

DI OGNISSANTI

La Chiesa e la Confraternità di Ognissanti appartiene alle tradizioni più antiche della Città. La Chiesa fu costruita verso l'inizio del XV secolo sul sito della chiesa più vecchia ( appartenente al X/XIII secolo) la quale era la prima cattedrale del vescovo di Korčula (1300); ed in essa nel 1301 fu fondata la Confraternità di Ognissanti ossia la Confraternità della Buona Morte, la più vecchia confraternità di Korčula.
Di fronte all'ingresso nella Chiesa, vi è l'ingresso nella casa della Confraternità di Ognissanti. Sui rilievi che si tovano sopra la porta d'ingresso si vedono i fratelli di questa confraternità dei flagellanti fondata nel 1301.
Su entrambe le pareti della Chiesa è esposta la collezione di icone provenienti dall'isola di Creta (un isola greca). Nella guerra condotta dal 1645 al 1669 tra i Veneziani e la Turchia per l'isola di Creta (Candia, le guerre per il possesso di Candia) ha partecipato anche la cambusa di guerra appartenente a Korčula.

LA CHIESA E LA CONFRATERNITÀ DI OGNISSANTI Korčula


La guerra finì con la sconfitta dei Veneziani e con l'evacuazione generale del presidio veneziano, dell'amministrazione e del clero dall'isola, e così con la cambusa di Korčula sull'isola sono state portate le icone interessanti realizzate seguendo la tradizione bizantina e l'influsso delle scuole veneziane di pittura nel periodo tra XIV e XVII secolo.

LA TORRE

VELIKI REVELIN

La Torre Veliki Revelin (l'Entrata via terra- cro. Kopnena vrata) fu costruita nel 1485, ed accanto ad essa vi era l'arsenale (il magazzino militare) del 1572. Il magazzino fu costruito nel periodo in cui cresce la potenza militare di Korčula per la Repubblica di Venezia, la quale nel XVIII secolo a Korčula ha l'ormaggio invernale della flotta navale.
Sopra l'Entrata via terra (Kopnenih vrata) ci sono due simboli della storia di Korčula: la lapide con il leone alato di San Marco, il simbolo del dominio della Repubblica di Venezia e la lapide commemorativa dedicata al millesimo anniversario dell'incoronazione di Tomislav, il primo re croato.

LA TORRE VELIKI REVELIN Korčula


LA CHIESA

DI SAN MICHELE

La Chiesa di San Michele si trova sulla Piazza di Antun e Stjepan Radić, di fronte al Municipio.
Fu menzionata già all'inizio del XV secolo, dopodiché passa sotto il patronato della Confraternità della Beata Vergine Maria della Consolazione – della cintura (ndt.: cintura di penitenza), fondata nel 1603.
Nel corso del XVII e XVIII secolo, la Chiesa ha ottenuto il suo aspetto finale in stile barocco, e la cappella dedicata alla Madonna della Consolazione fu aggiunta alla Chiesa verso la fine del XIX secolo.

La chiesa di San Michele


Sull'altare maggiore risalente al XVIII secolo vi è il dipinto creato da Dominik Maggiotto che rappresenta la Madonna della Consolazione.

CHIESA

DELL'IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA MADONNA - GOSPOJINA

La chiesa fu menzionata per la prima volta nel 1369 ed il vescovo Tommaso Malumbra concesse il patronato sulla chiesa alla famiglia Ismaeli nel 1483, dopo di che essa divenne il luogo di sepoltura delle famiglie Ismaeli e Gabrieli come evidenziane le tombe riccamente decorate che si trovano all'interno della chiesa. È possibile che l'arcidiacono della cattedrale Antun Rozanović che contribuì alla difesa di Korčula dalla marina ottomana guidata da Uluj Ali, il vicerè turco il 15 agosto 1571 sia stato seppellito qui.
Il mosaico di piastrelle in vetro, l'opera dell'artista olandese Louis Schrikkel fu realizzato nel periodo dal 1964 al 1967.

Church of Our Lady Korčula


La chiesa viene utilizzata occasionalmente come un luogo di esposizione di opere d'arte di artisti locali ed internazionali.

CHIESA

DI SAN PIETRO

Questa chiesa piccola e modesta costruita in stile gotico si trova in prossimità della cattedrale. Si ritiene che sia una delle chiese più antiche della vecchia città e viene menzionata per la prima volta nei documenti storici nel XIV secolo.
L'interno della chiesa è modesto e si distingue per le 12 statue in legno degli apostoli, poste sulle pareti della chiesa. La statua di San Pietro si trova sull'altare. Le statue lignee sono state eseguite dallo scultore famoso Francesco Terilli. Sotto il pavimento vi sono camere di sepoltura e la tomba più antica di Korčula che risale al 1400.

St Peter's church Korčula
LA COLLINA

DI SANT'ANTONIO

La Collina di Sant'Antonio si trova a distanza di sola mezz'ora in piedi dal centro di Korčula in direzione di Lumbarda (Lombarda).
Rappresenta un monumento religioso e un monumento protetto dell'architettura paesaggistica. Ci sono 101 gradini che ci portano alla cima della collina lungo un viale di cipressi piantati nel 1708.
In cima alla Collina, su una piccola piazza pavimentata, nel XIV secolo fu costruita la chiesetta di Sant'Antonio (detto anche Sant'Antonio del Deserto o eremita).
Nei tempi del vescovo Španić, verso la fine del XVII secolo, è sata rinnovata e oggi è dedicata a Sant'Antonio di Padova.

LA COLLINA DI SANT'ANTONIO Korčula


Sul muro della casa che si trova accanto alla chiesa ci sono i rilievi di Sant'Antonio eremita e di Sant'Antonio di Padova. Dalla cima della Collina si gode di una vista indimenticabile sull'arcipelago di Korčula.

MOSTRA

MARCO POLO

Scoprite come Marco Polo si mise in viaggio da Korčula, seguitelo durante il suo percorso attraverso il deserto in carovana, accompagnatelo fino al famoso imperatore mongolo Kublai Khan. Potete seguire le avventure e la vita di Marco Polo attraverso le sette scene evocate tramite un'eccellente scenografia e pupazzi realistici.

Marco Polo exhibition Korčula
BIBLIOTECA COMUNALE

IVAN VIDALI

La Biblioteca comunale è il centro culturale ed informativo della Città di Korčula che offre l'accesso alla conoscenza, alle informazioni e contenuti culturali.

Korčula culture centre Ivan Vidali
CENTRO CULTURALE DI

KORČULA

Il Centro culturale di Korčula organizza gli spettacoli teatrali, i concerti e diverse manifestazioni culturali durante tutto l'anno. Il Centro culturale dispone di una sala cinematografica di una capienza di 350 persone in stile teatro e l'atrio di una capienza di 50 persone (anch'esso stile teatro).

Korčula culture centre